Principiano Ferdinando

Principiano Ferdinando

Listaview Grigliaview

5 oggetto(i)

  1. PRINCIPIANO FERDINANDO BAROLO BOSCARETO 2009

    € 63,00

    Principiano Ferdinando

    88/100 iWine

    Tipologia:  Rosso fermo
    Regione:  Piemonte
    Uvaggio:  100% Nebbiolo
    Formato:  0,75L

    Per saperne di più
  2. PRINCIPIANO FERDINANDO BAROLO RAVERA DI MONFORTE 2011

    € 39,90

    Principiano Ferdinando

    94/100 iWine

    Tipologia:  Rosso fermo
    Regione:  Piemonte
    Uvaggio:  100% Nebbiolo
    Formato:  0,75L

    Per saperne di più
  3. PRINCIPIANO FERDINANDO BAROLO SERRALUNGA MAGNUM 2011

    € 56,90

    Principiano Ferdinando

    92/100 iWine

    Tipologia:  Rosso fermo
    Regione:  Piemonte
    Uvaggio:  100% Nebbiolo
    Formato:  1,5L

    Per saperne di più
  4. PRINCIPIANO FERDINANDO BARBERA D'ALBA LAURA 2014

    € 9,90

    Principiano Ferdinando

    90/100 iWine

    Tipologia:  Rosso fermo
    Regione:  Piemonte
    Uvaggio:  100% Barbera
    Formato:  0,75L

    Per saperne di più
  5. 13%sconto
    PRINCIPIANO FERDINANDO BAROLO SERRALUNGA 2012

    PRINCIPIANO FERDINANDO BAROLO SERRALUNGA 2012

    Prezzo predefinito: € 27,50

    Prezzo speciale € 23,90

    Principiano Ferdinando

    94/100 iWine

    Tipologia:  Rosso fermo
    Regione:  Piemonte
    Uvaggio:  100% Nebbiolo
    Formato:  0,75L

    Per saperne di più

Listaview Grigliaview

5 oggetto(i)

Show More Products

Il nonno e il padre di Ferdinando coltivavano vigne, ma per vendere ai compratori le uve o il vino, a seconda di cosa fosse più conveniente. Ferdinando seguì fin da ragazzino i lavori della campagna e si dedicò agli studi di enologia, andando anche a fare gavetta presso altri produttori, dai quali imparò le tecniche di lavoro. Era il 1993 quando produsse e imbottigliò le sue prime etichette, allora seguiva un’agricoltura tradizionale, con quei trattamenti chimici che a partire dagli anni ’80 avevano rivoluzionato l’agricoltura viticola. Ma col passare degli anni Ferdinando alimentava i propri dubbi su queste tecniche, come anche sugli interventi di cantina che spesso andavano a cercare un vino tecnicamente corretto che però gli pareva perdere in profondità e capacità di espressione. Decise di convertire la sua produzione al naturale: dal 2003 niente diserbi, prodotti chimici o fertilizzanti organici.