More Views

TENUTA SAN GUIDO SASSICAIA DOPPIO MAGNUM 2015 (TOP WINE SPECTATOR)

Prodotto Esaurito

€ 2.000,00
MIGLIOR VINO AL MONDO WINE SPECTATOR

Tenuta San Guido

85% Cabernet Sauvignon, 15% Cabernet Franc

Il Sassicaia di Tenuta San Guido ha colore rosso granato brillante e intenso. Profumo ampio e persistente, penetrante, con note di marasca su fondo erbaceo unito a sentori di legno aromatico, vaniglia e toni speziati. Sapore asciutto, armonico, molto lungo nel suggerire nel retrogusto le sensazioni olfattive. Ideale con secondi piatti anche di carni nobili, come fagiano e capriolo, si rivela speciale anche come vino da meditazione.

Descrizione Prodotto

Tenuta San Guido Sassicaia Doppio Magnum 2015

Sassicaia 2015 Tenuta San Guido

Il Sassicaia, dal 1948 al 1967, rimase dominio strettamente privato, e fu bevuto solo nella Tenuta. Ogni anno, poche casse venivano messe a invecchiare nella cantina di Castiglioncello. Il marchese ben presto si rese conto che invecchiando il vino migliorava considerabilmente. Come spesso accade con i vini di grande levatura, quelli che prima erano considerati difetti, col tempo si trasformarono in virtù. L'annata del 1968 fu la prima ad essere messa sul mercato, con un'accoglienza degna di un Premier Cru Bordolese.

vendita vini bolgheri

Il Bolgheri rosso, come il rosato, è fatto con cabernet sauvignon (10-80%), merlot (massimo 70%) e sangiovese (massimo 70%). L'uvaggio permette innumerevoli possibilità per le cuvée, rendendole molto interessanti. Bolgheri non è solo una denominazione, ma è un vero e proprio modo di vivere, un'atmosfera rarefatta di un mondo che si pensa estinto. La natura è ancora incontaminata: il bosco domina le colline che, situate parallelamente alla costa, proteggono dal gelo invernale. E ad occidente si estende il mare, che mitiga, con le sue brezze, i forti caldi estivi. La vigna, spesso incastonata nel verde della macchia mediterranea, e gli antichi olivi, dominano un paesaggio modificato con discrezione dalla presenza umana. Immergersi nella natura bolgherese e nel suo ambiente, assaporandone i frutti dolci e maturi della sua terra, è un'operazione che conduce molto vicino a quello stato di aponia tanto ricercato dai filosofi epicurei e tanto difficile da raggiungere nella morsa degli attuali ritmi di vita. Questa condizione la si può percepire già attraverso l'assaggio di un bicchiere di vino Bolgheri . Dietro l'etichetta, in quel rosso elegante e complesso si percepisce tutta la magia di questo territorio. L'etichetta evoca un mondo che ci pare di aver sempre sognato, ma che esiste ed è reale. La visita dei vigneti, delle cantine, dei borghi medievali, delle colline e del mare, la degustazione dei vini in compagnia dei produttori, ci portano direttamente a contatto con questa realtà. Gli assaggi di vino Bolgheri che seguiranno, a casa propria oppure ovunque nel mondo, riporteranno alla memoria queste sensazioni e le renderanno di nuovo vive, animando il desiderio di riviverle al più presto.

VALUTAZIONI

GAMBERO ROSSO:   

VITAE AIS:   

VERONELLI:   

ROBERT PARKER:   97/100

JAMES SUCKLING:   98/100

SECONDO NOI:   95+/100

scopri tutti i vini di Tenuta San Guido

Negli anni venti, studente a Pisa, Mario Incisa della Rocchetta sognava di creare un vino di razza. Il suo ideale, come per l'aristocrazia dell'epoca, era il Bordeaux. Così lo descrive in una lettera a Veronelli del 11/6/1974. ”…l’origine dell’esperimento risale agli anni tra il 1921 e il 1925, quando, studente a Pisa e spesso ospite dei Duchi Salviati a Migliarino, avevo bevuto un vino prodotto da una loro vigna sul monte di Vecchiano che aveva lo stesso inconfondibile “bouquet” di un vecchio Bordeaux da me appena assaggiato più che bevuto, prima del 1915, a casa di mio nonno Chigi.” Essendosi stabilito con sua moglie Clarice nella Tenuta San Guido sulla costa Tirrenica, sperimentò alcuni vitigni francesi (le cui barbatelle aveva recuperato dalla tenuta dei Duchi Salviati a Migliarino, e non dalla Francia) e concluse che il Cabernet aveva "il bouquet che ricercavo". Nessuno aveva mai pensato di fare un vino "bordolese" in Maremma, una zona sconosciuta sotto il punto di vista vinicolo. La decisione di piantare questa varietà nella Tenuta San Guido fu in parte dovuta alla somiglianza che egli aveva notato tra questa zona della Toscana e Graves, a Bordeaux. Graves vuole dire ghiaia, per il terreno sassoso che distingue la zona, proprio come Sassicaia, in Toscana, denomina una zona con le stesse caratteristiche. Ora amici e parenti incitavano Mario Incisa ad approfondire i suoi esperimenti e perfezionare il suo stile di vinificazione rivoluzionario per quella zona. Vedi l'azienda >

Informazioni Aggiuntive

Informazioni Aggiuntive

Azienda Tenuta San Guido
Regione Toscana
Denominazione IGT Toscana
Tipologia Rosso fermo
Annata 2015
Formato 3L
Uvaggio 85% Cabernet Sauvignon, 15% Cabernet Franc
Maturazione 24 mesi in barriques
Affinamento 6 mesi in bottiglia
Produzione annua -
Gradazione 13,50%
Colore Rosso granato brillante e intenso
Profumo Ampio e persistente, penetrante, con note di marasca su fondo erbaceo unito a sentori di legno aromatico, vaniglia e toni speziati
Sapore Asciutto, armonico, molto lungo nel suggerire nel retrogusto le sensazioni olfattive
Temperatura di servizio 18-20 °C
Note Magnum in cassa di legno

Tags prodotto

Tags prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa virgolette singole (') per frasi.

Recensioni

Scrivi la tua recensione

Stai recensendo: TENUTA SAN GUIDO SASSICAIA DOPPIO MAGNUM 2015 (TOP WINE SPECTATOR)

Come consideri questo prodotto? *

qualità
0/5
prezzo
0/5
consigliato
0/5
TENUTA SAN GUIDO SASSICAIA DOPPIO MAGNUM 2015 (TOP WINE SPECTATOR)
€ 2.000,00